Dieta per l'Asma


Molte persone credono che l'inquinamento, polvere e polline, sono i principali colpevole degli attacchi di asma nei bambini. Tuttavia, i risultati delle investigazioni più recenti indicano che l'affezione può essere molto più relazionata con quello che questi piccoli mangiano.

L'idea che un pacchetto di patate fritte può essere peggiore per un bambino asmatico che l'inquinamento, non è completamente nuovo. Per anni, vari paesi-tra i quali si trovano gli Stati Uniti, Gran Bretagna, Nuova Zelanda ed Austria-hanno centrato le sue investigazioni in questo aspetto. Oltre a stabilire la relazione, determinarono che non si tenta di modificare un alimento in specifico per favorire gli infanti che soffrano di asma, bensI' di stabilire una dieta adeguata alle sue necessità che possa proteggerli dall'affezione.

Benché fino ad ora i ritrovamenti siano realmente contundenti, è necessario che si realizzino studi addizionali che appoggino, contro ogni dubbio, la teoria. Per il momento, puoi continuare ad adottare abitudini alimentari che possano aiutare tuo figlio a combattere l'asma. Tuttavia, tieni in conto che i nostri suggerimenti non sono, in nessuna forma, una sostituzione al trattamento che ha suggerito il pediatra che tratta tuo figlio, bensI' un complemento. È più, qualunque cambiamento nel menu giornaliero dal bambino deve essere consultato con lui.


frutta e vegetali per i polmoni
Fa alcuni anni, scienziati statunitensi si trasferirono all'Arabia Saudita, per paragonare l'incidenza di bambini asmatici coi casi osservati in grandi città degli Stati Uniti. La dieta dei paesi orientali-in contrapposizione agli occidentali-normalmente è ricca in frutta e vegetali: col risultato che gli investigatori si interessassero ad Arabia Saudita e non in un paese latinoamericano, per esempio.

I risultati furono realmente sorprendenti: anche se nelle metropoli si controllavano i fattori di maggiore rischio per gli asmatici, i casi di asma erano tre volte più frequenti negli infanti statunitensi. Potrebbe trovarla si differenzia nel consumo di frutta e vegetali? Gli investigatori suppongono che sI' : apparentemente, questi alimenti sono capaci di migliorare la funzione del sistema immunologico dei piccolo.

Grazie a bovine ed attenzioni igieniche, i bambini sviluppano sempre meno infezioni, riducendo drasticamente il lavoro del sistema immune. Specificamente, la produzione di cellule Th1-incaricate di lottare contro le malattie-si vede affettata e quando qualche agente strano è riconosciuto per il sistema immunologico, questo procede a creare cellule Th2 che benché abbiano la stessa funzione che gli anteriori, infiammano e danneggiano il sistema respiratorio, incrementando il rischio di soffrire un attacco di asma.

Tuttavia, multiple vitamine e fitoquímicos contrari nelle frutta e vegetali, agiscono come antiossidanti, riducendo lo stress al quale si sottomettono le vie respiratorie quando il sistema immune reagisce contro un batterio o virus.

In generale, i bambini non hanno problemi per mangiare frutta, in realtà, tuo piccolo abbia probabilmente perfino le sue favorite, ma coi vegetali il racconto è un altro. Nonostante, è molto importante che li vada introducendo nella sua dieta.

Affinché sia un beneficio, il bambino deve consumare tre porzioni di vegetali per giorno. Per i più piccoli, tra 1 e 6 anni, una porzione equivale ad una cucchiaiata di vegetali per ogni anno che abbiano. I più grandi necessitano un po' più: una porzione è una tazza di vegetali.


Lascialo che scelga: Accompagna i cibi con due vegetali differenti e permette che tuo figlio selezioni quello che più gli piaccia.

Non esagerare con gli abbellimenti: Quanto più salse aggiunga ad un'insalata, più possibilità avrà che il bambino si imbatta con un sapore che non gli piaccia. Un tocco di olio di oliva è la cosa raccomandabile, a meno che al bambino gli piaccia un abbellimento in questione.

Mostragli il lato dolce dei vegetali: Se le cucine alla piastra o griglia, alcuni vegetali, come le carote o asparagi, per esempio, acquisiscono un sapore dolce che fa loro più attraenti per i piccolo.

Più latte = più aria

Durante quasi una decade, gli investigatori del Centro Internazionale Per lo Studio dell'Asma ed Allergie nell'Infanzia, in Nuova Zelanda, hanno analizzato le diete di 700 mille bambini in 50 paesi. La conclusione alla quale arrivarono è realmente sorprendente: gli infanti che portavano una dieta ricca in calcio, avevano meno probabilità di soffrire allergie ed attacchi di asma.

D'altra parte, un studio portato a capo per l'Università di Nottingham in Inghilterra, concluse che il calcio non è l'unico minerale capace di fare bene ai piccoli asmatici: il magnesio svolge un ruolo fondamentale favorendo l'attività polmonare ed il flusso di aria. Entrambi i nutriente si trovano nel latte, per quello che è raccomandabile che il bambino la consuma-insieme ad altri alimenti che contengano calcio e magnesio-regolarmente.

Affinché sia un beneficio, il piccolo di tra 1 e 3 anni ha bisogno 500 mg di calcio e 80 di magnesio. Se l'età oscilla tra i 4 e 8 anni, i livelli di calcio per giorno salgono a 800 mg e quelli di magnesio a 130. È importante che tuo figlio ottenga le sue ingiunzioni giornaliere di alimenti e non di supplementi vitaminici.

Il latte è la tua migliore alleata, dato che un bicchiere proporziona 300 mg di calcio e 34 di magnesio.

Altri alimenti a considerare, includono yogurt e formaggio, pianterreni in grasso se tuo figlio ha più di 2 anni, come cereali, vegetali verdi, caraotas e pesce.

Gli alimenti bassi in grasso favoriscono la respirazione

Negli ingredienti di multiple cibi imputate è possibile trovare olio parzialmente idrogenato. Questo tipo di grasso comincia essendo poli insaturo con alto contenuto di acidi grassi omega-6. Ma, durante il processo digestivo, il nostro organismo modifica la composizione del grasso, trasformandola in un acido grasso di gran beneficio per la salute: omega-3. Tuttavia, durante questa "trasformazione", certi chimici infiammatori sono prodotti per il corpo, generando cosI' reazioni allergiche ed attacchi di asma.

Un studio portato a capo per l'Università di Harvard negli Stati Uniti, trovò che i bambini che consumavano maggiore quantità di margarina, come grasso poli insaturo, avevano fino al 40 percento più di probabilità di presentare sintomi di asma ed altre malattie come l'eczema, per esempio.

Affinché sia un beneficio, riduce la quantità di alimenti alti in grasso nella dieta del piccola. Tra quello che deve evitare si trovano i cibi rapidi, dolci infornati e dolciumi oleosi, come le patate fritte o crostini, per esempio.

Il cibo rapido può essere economico e conveniente, ma non è una buona opzione per alimentare un bambino, sia asmatico o no. Gli alti contenuti di grasso, sale e zucchero che normalmente includono questo tipo di cibi, rappresentano un pericolo per la salute.

Al momento di comprare, sceglie quegli alimenti e prodotti che siano bassi in grasso o, almeno, che non contengano grasse parzialmente idrogenate che normalmente sono le più dannose per gli asmatici.

Gli attacchi di asma sono una fastidiosa affezione che ostacola, a cientos di bambini, portare una vita tranquilla ed amena. Se puoi aiutarlo, col semplice fatto di modificare le sue abitudini alimentari, allora bene vale la pena lo sforzo.