Dieta Rajástica


La dieta rajástica proviene dall'antica India ed il suo obiettivo è cercare, attraverso l'alimentazione, l'unione ed armonia tra la mente, il corpo e lo spirito. In questo tipo di dieta entrano in gioco tre elementi: il satwa, la scheggia ed il tama. Si tratta di categorie o stati in che secondo le antiche teorie indù, si divide tutta la materia, includendo all'essere umano ed i suoi alimenti.

Secondo la dieta rajástica, l'essere umano deve essere molto prudente col tipo di alimenti che prende. È importante che sappia la categoria della quale appartiene ognuno di essi: satwa, spacca o tama.

Satwa significa essenza pura e rappresenta la qualità eterica della materia. Spacca si riferisce all'energia che fa che le cose si portino a termine che cerca raggiungere, creare o eseguire. Si potrebbe dire che è la qualità del potere terreno e dell'impulso sessuale. Ed il tama rappresenta la decomposizione e la proprietà regressiva. Nell'essere umano questa categoria si riferisce alle caratteristiche di ghiottoneria, indulgenza e debolezza.

Per menti meditative
Questo tipo di dieta vigile sugli alimenti che si prendono, poiché secondo i suoi principi, la persona creda il suo futuro in ogni alimento che consuma. Gli intenditori in questo tipo di diete la raccomandano per quelli che desiderino avere una mente meditativa e che devono vivere e lavorare nel mondo attuale e quotidiano, pieno di frette e soprassalti.

Si tratta di un'alimentazione che consumano molti dei che praticano discipline esigenti quali tramutano l'energia sessuale in spirituale, come nel caso del Kundalani Yoga o alcuni altre arti marziali. Esistono tre radici che sono essenziali nella dieta rajástica, è più, sono considerate come regali di Dio.

Si tratta dell'aglio, la cipolla e lo zenzero. Gli apprendisti dell'alimentazione rajástica, si potrebbe dire che quasi li venerano. Affermano che sono tre alimenti essenziali per una dieta sana che purificano, producono e mantengono l'energia del corpo. Ognuno di essi è vantaggioso a parte, ma mangiarli unisci produce un'interazione che amplifica i suoi effetti nel corpo.

Alimenti stella
Da una parte sta la cipolla. Questa purifica il sangue e stimola negli uomini la produzione di seme. L'aglio è il secondo imprescindibile in questa dieta. Aumenta la virilità, oltre a considerarsi tonificante e stimolante digestivo.

Ed infine lo stimolante zenzero. Alimenta il sistema nervoso e è anche un stimolante digestivo. Questa radice è stata utilizzata come alimento e medicina durante migliaia di anni, ed in alcuni epoche il suo valore arrivò a confrontarsi con quello dell'oro. Il suo aspetto è quello di un rizoma di colore tostato. È un ingrediente molto utilizzato anche nella cucina asiatica, influita di forma abbastanza importante per la cucina indù.

Nel momento di usare lo zenzero, se si impiega fresco, deve comprarsi in piccole quantità e scegliere la cosa grossa e fermo, con la pelle liscia. Prima di utilizzarlo, deve spellarsi ed offendersi nel tritatutto o tagliarsi in piastre fini. Può trovarsi anche in polvere. Per fare le equivalenze, bisogna calcolare una quarta parte di zenzero in polvere rispetto al fresco punto.

Vegetariani per religione
Questa dieta rajástica che si basa in antiche credenze indù, respinge di piano la carne e dà mano delle specie e le salse piccanti, oltre ai frutti secchi e verdura. Al margine della dieta rajástica, bisognerebbe dire che la maggioranza dei hindués sono vegetariani stretti. L'origine di questa pratica bisogna cercarla nei libri sacri dell'induismo, le Proibizioni, testi scritti in sanscrito che salgono al secondo millennio prima di Cristo.

Credono che per rivelazione divina, l'uomo sa che deve evitare di fare soffrire ogni essere vivo; tuttavia, deve soddisfare le necessità nutrizionali basilari del suo organismo. Davanti a questo dilemma consumano vegetali, badando ad offrire i suoi alimenti alla primi delle sue divinità, Brahma, per ottenere la sua povertà.

RACCOMANDAZIONI RAJÁSTICAS

Tra le raccomandazioni che seguono quelli che praticano la dieta rajástica sottolinea per esempio quella che dice che si deve mangiare per vivere e non vivere per mangiare. Se una persona diminuisce il suo consumo di alimenti, riuscirà ad aumentare i suoi anni di vita. Quello sì, nel momento di preparare gli alimenti bisogna farlo di un modo speciale, devono prepararsi con molto amore, servirli con devozione e consumarli con allegria-questa è una massima raccomandabile per ogni tipo di diete -. È importante anche che si eliminino tutte le proteine animali, le uova, formaggi duri ed alimenti grassi in una dieta rajástica.

ALCUNI CIBI RAJÁSTICAS
Possibilmente lei non potrebbe vivere, almeno i primi giorni, con una dieta rajástica, ma qui si esporsi alcuni dei suoi piatti più tipici, per se si azzarda a provare alcuno:

Tu asceta
Sono molto affezionati al tu ed a questo specialmente, il quale condiscono con molte specie. Per una tazza e media di acqua, si bollono tre chiodi di odore, quattro guaine di cardomomo, quattro grani di pepe nero, mezzo ramo di cannella, un pezzo di radice di zenzero, una stanza di cucchiaiata di tè nera, mezza tazza di latte e miele al gusto. Le specie devono bollire per dieci minuti, dopo lo è aggregato il tè nero e si lascia riposare più due minuti. Si accodarsi l'infusione e lo è aggiunto latte e miele.

Kitcheree
Si tratta di una preparazione molto leggera per l'apparato digestivo che risulta eccessivamente nutritivo, stimolante e purificatore. Si tratta di un preparato a base di soia, riso, aglio, cipolla, zenzero, olio di oliva e specie. Normalmente serve accompagnato da verdure varie lesse, yogurt, formaggio fresco e salsa piccante.

Lasi di manico
È un alimento fatto a base di manici che si liquefanno vicino a due yogurt, tre cucchiaiate di miele ed una cucchiaiata di acqua di rose. Si raccomanda prenderlo nient'altro si batta. Affinché sia realmente buono deve essere battuto ad elevata velocità.