Le Diete Mediterranee, un po' di storia.


Il concetto di dieta mediterranea si popolarizzò poco dopo dell'II Guerra Mondiale. In quegli anni si sapeva già che la popolazione di Creta aveva il tasso più basso di mortalità per malattie cardiovascolari.

I sette paesi

Sulla base di questi antecedenti, negli anni '60 si realizzò un studio epidemiologico denominato "Studio dei sette paesi", per investigare le abitudini dietetiche degli Stati Uniti, Giappone, Finlandia, Olanda, Yugoslavia, l'antica Yugoslavia, Italia e Grecia. Cioè, solo tre paesi della zona del mare mediterraneo. L'investigazione si incentrò nella dieta e non considerò differenze genetiche e di stili di vita delle distinte popolazioni.

I risultati dello studio mostrarono una chiara relazione tra le caratteristiche della dieta e la salute della sua popolazione. Così, quella della Grecia, specialmente quella di Creta, e del sud dell'Italia avevano il minore tasso di mortalità per malattia cardiovascolare e la maggiore aspettativa di vita in paragone con Finlandia che stava nei l'altro estremo e Stati Uniti che stava in una posizione intermedia; nonostante contare questi ultimi su migliori condizioni di vita e servizi medici.

Le salutari caratteristiche della dieta dei greci, specialmente quella dei cretenses, e degli italiani del sud mossero a Keys, capo dello studio, a qualificare questa dieta come mediterranea.

In questo modo, il termine generica "Dieta Mediterranea" si usa, nella pratica, per riferirsi a patrono agende simili a quelli della Grecia ed il sud dell'Italia agli inizi degli anni '60.

Caratteristiche comuni

Investigazioni posteriori mostrarono che non esiste una dieta mediterranea unica, poiché i prodotti variano abbastanza di un paese ad un altro, per esempio, la quantità di olio di oliva che si consuma in essi è distinta. Anche cosí, può concludersi che la dieta dei paesi europei dell'area mediterranea, Portogallo, Spagna, sud della Francia, Italia, Grecia, etc., presenta alcuni caratteristiche comuni:

* Ribasso in grasse sature
* Dimissione in grasso monoinsaturadas
* Oscillata in acidi grassi polinsaturi (omega-6 ed omega-3)
* Ribasso in proteina animale
* Ricca in antiossidanti
* Ricca in fibre

Cioè, queste popolazioni mangiano una quantità relativamente alta di pesce e carni bianche, cereali e leguminose, frutta e verdure; una quantità relativamente bassa di carni rosse; e, in forma moderata, consumano vino coi cibi.